Logo Comitato Decima Zona FIV
Thursday, 4 October 2018
homemailfacebooksitemap
Ricerca:
HOME    X ZONA    REGATE    ATTIVITÀ    TECNICI    UDR    FORMAZIONE    UN VELISTA AL MESE    

benvenuti

Il Comitato X Zona FIV è lieto di accogliervi all\'interno del suo nuovo sito augurandosi che sia di vostro gradimento.

Come ogni organizzazione moderna, tramite Internet, esso vuole mettere a disposizione di tutti voi informazioni utili e servizi offerti.

Il Comitato X Zona FIV



[25.09.2018] - 1001VELACUP A MONDELLO ALESSANDRO SMERCHINICH PORTA IN ALTO LE MARCHE

1001VELACUP A MONDELLO ALESSANDRO SMERCHINICH PORTA IN ALTO LE MARCHE

Mondello (Palermo), 25 settembre 2018. Un po' di Marche è arrivato fino alla spiaggia palermitana per antonomasia, quella di Mondello, dove ieri è andata in archivio la XII edizione del trofeo 1001VELAcup, manifestazione organizzata per la quinta volta dal Circolo della Vela Sicilia e ideata dagli architetti Massimo Paperini e Paolo Procesi per stimolare i laureandi in ingegneria a fare pratica nel mondo della nautica, divertendosi. Già perchè, al timone dello skiff del Politecnico di Torino, secondo classificato, c'era appunto Alessandro Smerchinich, velista dello YC Riviera del Conero, anconetano di origine con un buon trascorso dall'Optimist al 470 fino ai monotipo, trapiantato nel capoluogo piemontese per specializzarsi in Ingegneria Meccanica. In coppia con lui la velista cesenate Beatrice Fenu.

In acqua sette atenei, cinque italiani, uno tedesco e uno svedese, con i loro sailing team ed equipaggi costituiti unicamente da studenti universitari. Oltre ad essere una rampa di lancio per i giovani laureati, 1001VELACup cresce di anno in anno, diventando una manfestazione sempre di più internazionale (quest’anno, oltre all’Università di Gothenburg, ha partecipato la University of Applied Sciences di Karlsruhe). A completare l’elenco dei partecipanti il Politecnico di Torino, il Politecnico di Milano, l’Università di Padova, l’Università degli Studi Federico II di Napoli e l’Università di Palermo. Tredici le imbarcazioni, tipo skiff, progettate e costruite con materiali ecocompatibili e rinnovabili dagli stessi studenti, lunghe 4,60 metri, dotate di 33 mq di tela ciascuna, che si sono sfidate in quello che è diventato un appuntamento fisso per gli atenei europei.

“In una regata come questa tutti i concorrenti si sentono un po' velisti e un po' ingegneri, una strana sensazione - scherza il giovane velista dorico - La partecipazione e il buon risultato conseguito ci saranno comunque di grande aiuto anche a livello ingegneristico perchè ci aiuteranno a capire i nostri punti di forza e di debolezza, fornendo spunti utili a ottimizzare la barca per l'edizione successiva. Siamo soddisfatti del lavoro svolto nel corso dell'anno accademico dato che abbiamo testato in acqua le qualità progettuali del mezzo"

“Faccio parte del team da quattro anni - continua Smerchinich - La barca con cui abbiamo corso è stata disegnata per la scorsa edizione ma quest'anno l'abbiamo ottimizzata nei circuiti e sostituito l'’albero. Per l'edizione 2019 stiamo pensando però di svilupparne una nuova, con un progetto che vorrà essere l'evoluzione della barca attuale. Dietro a una prestazione così c'è in realtà un team molto coeso di quasi 50 elementi, suddivisi in varie aree di competenza che dedica circa 300 ore l'anno a questo lavoro, ore spesso sottratte agli impegni prettamente accademici. Insomma, un percorso difficile ma anche divertente e di grande valore formativo".

Il vincitore della 1001VELAcup 2018 è stato il binomio svedese Hedstrom-Hamel (UNI Gothenburg), mentre sul terzo gradino del podio figurano Giovagnoni-Juretic (UNI Padova). Federica Giovagnoni, tesserata della SEF Stamura Ancona, è fra le specialiste regionali del Laser Radial.


Autore: Ufficio Stampa Comitato X Zona FIV